Giuseppe Pirozzi partecipa con due opere scultoree degli anni Cinquanta alla mostra “Novecento a Napoli. Capolavori di pittura e scultura”, una selezione di 62 dipinti e 33 sculture di alcuni dei maggiori rappresentanti dell’arte a Napoli del ventesimo secolo. L’allestimento, al secondo piano del PAN, è organizzato dalle associazioni culturali “Mediterranea” e “La Fenice”. Tutte le opere, eccetto sei, appartenenti alla collezione del Comune di Napoli, provengono da collezioni private. L’exhibit è a cura di Saverio Ammendola, Paolo La Motta e Isabella Valente. Nella sezione di pittura sono presenti: Luigi Crisconio, Eugenio Viti, Gennaro Villani, Gaetano Bocchetti, Francesco Galante, Antonio Bresciani, Giovanni Brancaccio, Emilio Notte, Vincenzo Ciardo, Manlio Giarrizzo, Carlo Striccoli, Alberto Chiancone, Rubens Capaldo, Amerigo Tamburrini, Nicola Fabricatore, Mario Vittorio, Guido Casciaro, Franco Girosi, Carlo Verdecchia, Enrico Cajati, Raffaele Lippi, Elio Waschimps. In quella di scultura sono esposte opere di Giovanni De Martino, Giuseppe Franzese, Gaetano Chiaromonte, Saverio Gatto, Raffaele Uccella, Francesco Parente, Giovanni Tizzano, Carlo De Veroli, Ennio Tomai, Antonio De Val, Pasquale D’Angelo, Vincenzo Meconio, Antonio Mennella, Pasquale Monaco, Lelio Gelli, Augusto Perez, Giuseppe Pirozzi, Paolo La Motta e Salvatore Vitagliano.